Newsletter CSA “I Fontanini” – N. 8 Novembre 2017

Novembre 2017 – Newsletter n.8 CSA I Fontanini

IN QUESTO NUMERO: G7 Forum alternativo; Workshop CSA; Foto dal campo; Letture: Retrotopia – Zingmund Bauman; Ricetta del mese: pasta con broccoli
Seguici anche su Facebook e sul sito web. Se vuoi scrivere manda una mail a info@csafontanini.it

14-15 ottobre, Bergamo: G7 Forum alternativo.

Al Forum alternativo al G7 di Bergamo del 14 e 15 ottobre, si sono incontrati i delegati di movimenti ed associazioni che operano sui temi della sovranità alimentare e della difesa dei territori.

Pubblichiamo il documento di sintesi che evidenzia come occorra pensare a nuovi modelli di crescita che consentano di uscire dal dominio incontrastato del mercato.

Con il percorso delle CSA, la nostra “I Fontanini” si inserisce in un modello che consente di “praticare l’obiettivo” al fine di promuovere un nuovo tipo di economia che accomuna produzione e consumo nel rispetto dell’ambiente.

Esattamente il contrario di quello imposto dal G7 ufficiale di Bergamo…

Scarica il documento di chiusura del Social Forum di Bergamo.


Workshop CSA – Cascina S.Ambrogio, 
Milano – 30 settembre – 8 ottobre

Il 30 Settembre e l’ 8 Ottobre 2017, in Cascina Sant’Ambrogio (http://cascinet.it) sita in zona Forlanini a Milano, ospiti della stessa, organizzato da DEAFAL ONG (www.deafal.org/home-page) , si sono tenute due giornate per la promozione e la diffusione delle CSA in Italia. Cascina Sant’Ambrogio ha una realtà associativa (che promuove eventi culturali, Asilo Nido nel Bosco, G.A.S. , eventi conviviali e di approfondimento, collaborazioni con altre realtà associative …) e una realtà agricola , nei terreni comuni (orti condivisi) e negli 8 ettari in zona Vettabbia (quartiere Vigentino di Milano – zona Corvetto) – che produce per la cascina e conferisce all’esterno.

I partecipanti alle due domeniche sono stati numerosi (circa 30 persone) e vari… dall’”ortista fai da te”, al piccolo produttore agricolo, all’irriducibile del “carrello al supermercato”.
Tutti si sono dimostrati estremamente interessati alle tematiche sulle CSA. La prima domenica (pomeriggio) si è fatta un presentazione della DEAFAL, di URGENCI (rete europea/mondiale delle CSA che ci chiese di organizzare incontri in Italia per la diffusione del modello…) e raccontato un esperienza concreta, CSA I Fontanini di Lodi .La seconda domenica (tutto il giorno) si sono fatte delle attività interattive con i partecipanti per coinvolgerli. Sono stati suddivisi in gruppi con tematiche differenti (rischi e benefici di una CSA: i punti di vista di produttori e consumatori ; forme di gestione: pro e contro dei differenti modelli ; definire il prezzo e le varietà colturali; la gestione della comunità) con un moderatore, a tempo, per permettere a tutti di discutere di tutte le tematiche.
Cecilia di Arvaia, invitata per l’occasione, è stata la seconda testimonianza pratica.
Il workshop è durato l’intera giornata, trascorsa per la maggior parte del tempo, all’aria aperta , condividendo il pranzo.
Molte le domande, molti gli spunti, molti i dubbi e le perplessità…. ma soprattutto una gran curiosità per questo modello che rappresenta l’economia del Noi, l’assunzione di responsabilità, l’impegno, la dedizione….


Foto dal campo


Letture

In questo saggio, terminato poco prima di morire, ritroviamo la sua straordinaria curiosità per i più diversi aspetti della vita collettiva e individuale, dai movimenti nazionalisti ai manuali di self-help. E insieme si conferma la capacità di Bauman di intuire le vibrazioni della condizione umana, dal narcisismo alla precarietà.
Ma Retrotopia è anche un libro a tesi: dopo l’età delle utopie del futuro e poi quella che ha negato ogni utopia, oggi viviamo l’epoca dell’utopia del passato. La nostra – scrive infatti Bauman – è un’epoca in cui il futuro si presenta sempre più incerto e minaccioso, lasciandoci in balia di un presente in cui – crollati tutti i progetti collettivi – l’idea di progresso si è completamente privatizzata.
D’altra parte, nel mondo globalizzato, una politica che ha perso buona parte del suo potere e che è incapace di modellare il futuro tende a trasferirsi nello spazio molto più manipolabile della memoria collettiva, l’unico che consente ancora di dividere le identità tra ‘noi’ e ‘loro’.
Una divisione che l’Homo Sapiens ha sempre utilizzato nell’allargamento delle proprie comunità, dai primi gruppi di cacciatori-raccoglitori ai moderni Stati nazionali. Ogni volta la comunità si è allargata definendo un ‘noi’ per differenza con gli ‘altri’, diversi da noi per costumi, religione, lingua.
Ma nel mondo contemporaneo – scrive Bauman – questo processo incontra un ostacolo che appare insormontabile. Per la prima volta nella storia, infatti, la globalizzazione dei problemi ambientali e della finanza, della comunicazione e dei saperi richiede, per essere gestita adeguatamente, una coscienza globale. Dobbiamo cioè creare un ‘noi’ senza poter presupporre un ‘loro’.
(Recensione da “Huffington Post”)


Ricetta del mese: Pasta con broccoli

Tagliate i broccoli dividendo le cimette dalla base

Mettete da parte le cime e eliminate dalla base la parte estrema più legnosa

In un padellino tostate i pinoli e mettete in ammollo l’uvetta

In una pentola mettete a bollire abbondante acqua salata, e buttateci le basi dei broccoli

Quando prenderà bollore, lessateci la pasta

In una padella antiaderente sciogliete in poco olio le acciughe assieme all’aglio schiacciato

Buttateci le cime per farle insaporire, mescolando per qualche minuto e sfumate con il vino

Continuate la cottura coprendo la padella e unendo, quando necessario, il brodo o un mestolo d’acqua della pasta

Scolate la pasta eliminando i pezzi di base del broccolo e saltatela nella padella con le cime dei broccoli, i pinoli e l’uvetta

Spolverate di pecorino e servite

(da “buttalapasta.it“)

Leave a Reply

Your email address will not be published.