Orecchiette con il cavolo verde

Si usa il cavolo cappuccio verde. Lo si lava bene e lo si taglia in pezzi piccoli.

Si mette sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata e, quando l’acqua bolle, si aggiunge il cavolo.

Lo si lascia cuocere per 15 minuti.

Durante i 15 minuti si prepara in una padella grande dell’olio in cui si fa “saltare” un aglio che può rimanere intero per poi esser tolto o schiacciato per chi ne ama il sapore. Si aggiungono delle alici dopo averle tagliate a pezzettini in modo che si amalgamino bene nell’oilio fino a diventare una crema (in alternativa alle alici, per i vegetariani si può mettere una cremina di pomodori secchi – la stessa della salsa Zonca – fatta con capperi, basilico, aglio tutto tritato). A secondo del gusto si può aggiungere peperoncino o pepe nero.

Dopo i 15 minuti si buttano giù le orecchiette fresche o secche e le si lascia bollire uno o due minuti in meno rispetto al tempo indicato (a me piacciono molto le orecchiette e la ricetta ricorda moltissimo quella delle orecchiette con le cime di rapa ma ovviamente si possono usare anche altri tipi di pasta – io l’ho fatta con le orecchiette “La terra e il cielo” e le raccomando).

Quando la coltura è ultimata secondo le indicazioni fornite si scola bene il tutto e lo si trasferisce nella padella dove si mescola tutto per circa due minuti in modo da fondere i sapori. La si lascia un minuto a fuoco spento in modo che “si incorpori” come diceva la mia cara zia Tatà – che lo diceva in dialetto – e si porta a tavola senza toglierla dalla padella.

A seconda dei gusti si può aggiungere o meno del formaggio parmigiano o pecorino.

La cosa che ho trovato interessante di questa ricetta è che il cavolo …. non sembra più cavolo .

Buon appetito.

Giovanna Muritano

P.S.

Per fare un piatto per una persona ricco di cavolo io ne uso un quarto di quelli del nostro campo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.