Tagliatelle verza, noci e besciamella.

Preparate un pesto con la verza come segue:

alle foglie esterne più verdi togliete la costa centrale e spezzettatele grossolanamente. Lavatele e strizzatele nella trottola.

Mettete sul fuoco una pentola d’acqua ed un pizzico di sale, Quando bolle bene, immergete un po’ per volta le foglie di verza e scolatele subito con una schiumarola (quanto basta per ammorbidirle). Mettetele in una terrina lasciando da parte qualche pezzetto di foglia che userete nell’acqua di cottura della pasta.

Frullate le foglie con una bella manciata di gherigli di noci, uno spicchietto piccolo di aglio, una punta di cucchiaino di dado Fontanini, 1 cucchiaio di salsa di pomodori secchi (o 3 o 4 pomodori secchi, precedentemente ammollati) ed olio evo quanto basta. Eventualmente, aggiustare con un cucchiaio di pan grattato.

Preparate una besciamella come segue:

Avrete tenuto da parte l’acqua di cottura della verza. Fate soffriggere un po’ di scalogno in olio evo e un nocciolino di burro. Togliete dal fuoco e aggiungete la farina (30/50 gr., possibilmente degli11 grani antichi) una bella gratuggiata di noce moscata, due cucchiai di parmigiano gratuggiato e un po’ di dado Fontanini. Fate soffriggere brevemente. Mescolando con una frusta, aggiungere poco per volta l’acqua di cottura della verza q.b.. Portate a cottura: deve risultare una crema morbida.

Fate cuocere le tagliatelle con i pezzetti di verza che avrete tenuto da parte.

In una ciotola grande mettete 4/5 cucchiai di pesto, versate la pasta cotta e scolata, aggiungete la besciamella calda q.b. Amalgamate bene e portate in tavola.

Buon appetito.

Il pesto di verza può essere fatto anche senza immergere le foglie nell’acqua bollente. Ma dovrete escludere le foglie esterne molto più coriacee.

Questa ricetta è molto buona anche con la pasta fresca fatta in casa, meglio se con la farina degli 11 grani antichi.

Da Luciana

Leave a Reply

Your email address will not be published.